Sei qui: Monumenti di interesse a Monte Sant’Angelo

Architettura del Castello nei secoli

Il Castello di Monte Sant’Angelo, sorge nella parte alta del paese. Il nucleo originale del Castello subì nnumerevoli ampliamenti e rifacimenti nel corso dei secoli, a causa del susseguirsi della signorie che dominarono il territorio. Le prime testimonianze storiche sull’esistenza della fortezza, risalgono alla prima metà del IX secolo, quando Orso I, vescovo di Benevento e Siponto, fece edificare ex novo, tra l’837 e l’838, un castrum bizantino, contribuendo così...

Architettura attuale del Castello

Nel corso dei secoli, a causa delle varie dominazioni subite dalla città di Monte Sant’Angelo, il Castello ha subito continui ampliamenti e rifacimenti, fino ad assumere l’architettura attuale. Al Castello si accede tramite un portale, il quale è preceduto dal ponte a due archi collocato attraverso il fossato che anticamente circondava la fortezza. Entrando si incontra il posto di guardia posizionato sulla destra, e un ampio locale in cui si trovano le scuderie e il deposito...

Segni storico-artistici nel paese dell’Arcangelo

I Signori che dal XII al XVIII secolo si avvicendarono a reggere quello che fu definito l’Honor Montis Sancti Angeli impressero i segni storico-artistici più significativi dell’intero Gargano. Fra i monumenti più notevoli troviamo il santuario di San Michele Arcangelo, il complesso di San Pietro formato dalla chiesa di San Pietro, dalla chiesa di Santa Maria Maggiore e dal Battistero di San Giovanni in Tumba, e il Castello. Ma ce ne sono anche altri degni di attenzione. L’attuale...

Chiesa di San Pietro

Quello formato dalla chiesa di san Pietro e dal battistero di San Giovanni, insieme alla chiesa di Santa Maria Maggiore, costituisce il secondo polo, dopo il santuario micaelico, legato al culto e alla devozione nella cittadina garganica consacrata all’arcangelo Michele. Pochi metri dividono il colonnato della Basilica di San Michele dalla più antica chiesa del paese. San Pietro, sede della prima parrocchia cittadina, venne demolita nel 1894, per ragioni storiche. Di essa ci è pervenuta la...

Chiesa di Santa Maria Maggiore

La chiesa di Santa Maria Maggiore, di antica origine, fu fatta ricostruire nel secolo XI da Leone Garganico, arcivescovo di Siponto e di Monte Sant’Angelo, il quale le aggiunse l’appellativo Maggiore, per distinguerla da un’altra chiesa di Siponto anch’essa dedicata alla Vergine: probabilmente la volontà del vescovo di trasferire sulla montagna dell’Arcangelo la lontana eco della cattedrale sipontina almeno per quel che si pensa dell’originaria tessitura della facciata, che si...

Portale di Santa Maria Maggiore

Un’iscrizione sovrastante il timpano del sontuoso portale della chiesa di Santa Maria Maggiore ci informa che nel 1198, quando regnava Costanza d’Atavilla con suo figlio Federico II di Svevia, un sacerdote di nome Benedetto diede inizio alla costruzione della fabbrica in onore della Vergine. Non necessariamente tale data si riferisce al portale, che potè essere realizzato solo a conclusione dei lavori della facciata, o almeno a prospetto impostato. Stilisticamente infatti ci troviamo...

Battistero di San Giovanni in Tumba

Tra i pellegrini illustri che visitarono il santuario di Monte Sant’Angelo nei primi secoli la tradizione annovera un lunghissimo elenco di re, papi, imperatori, santi e perfino personaggi fantastici come Orlando, il leggendario paladino di Carlo Magno. Non si sa con certezza se il re longobardo Rotari sia mai giunto a Monte Sant’Angelo, tuttavia gli viene attribuito un testamento, nel quale avrebbe espresso il desiderio di esservi sepolto, cosicché si è voluto riconoscere il suo...

Portale di San Giovanni in Tumba

L’ingresso al battistero di San Giovanni in Tumba avviene attraverso una piccola porta aperta a sinistra dell’abside della chiesa di San Pietro, di semplice forma architravata, ricavata nello spessore della muratura e sormontata da due blocchi scolpiti di materiale diverso sistemati in funzione di lunetta e di architrave. Sul listello piatto che li divide appare un’iscrizione mutila, genericamente ripresa dalla Bibbia, e interpretata come allusione alla redenzione insita nel battesimo: Q...

  -