I 10 anni di FestambienteSud


Festambiente Sud10 giorni di programmazione
, 10 anni di attività, 50 eventi, 150 ospiti, 3 anteprime, 1 cerimonia di presentazione internazionale – a Dublino – 1 portale – festambientesud.it – a disposizione degli utenti, dei turisti e dei più curiosi – per scoprire i singoli appuntamenti. Questi sono solo alcuni dei numeri della decima edizione i Festambientesud, il festival nazionale di Legambiente per il Sud Italia in programma a Monte Sant’Angelo dal 18 al 27 luglio e presentato questa mattina alla Camera di commercio di Foggia.

Alla presenza del Presidente Fabio Porreca, del segretario generale Matteo di Mauro, e con la partecipazione del sindaco di Monte Antonio di Iasio, il direttore del Festival Franco Salcuni ha dato il via alla kermesse.

È bello vivere al Sud – recita il claim di questa edizione – e noi abbiamo chiesto proprio a Salcuni cosa rispondere ad un turista che ci chiede “Perchè è bello vivere al Sud?” E il direttore artistico ci risponde così: “perchè il Sud ha tante cose:  c’è tantissimo da fare, è un laboratorio aperto”. “Al sud troviamo posti magnifici come il centro storico di Monte Sant’Angelo, città Unesco che ospita il nostro festival”. FestambienteSud è spettacolo, attualità e cultura: “abbiamo fatto una scelta importante – spiega Salcuni- quella di puntare sulla qualità culturale del territorio. Anche l’antimafia si fa promuovendo cultura: noi apriremo il 18 luglio con la Summer School di filosofia che facciamo con l’Istituto italiano di studi filosofici e verrà Marotta, uno dei decani della filosofia italiana”. 
Questo weekend attesi Elio e Roberto Vecchioni ma come assicurano gli organizzatori le sorprese sono tante. A cominciare dagli spettacoli: teatro, cinema, laboratori del gusto, seminari sulla cultura e ben 14 concerti tra jazz, lirica, rock e canzone d’autore.

La presentazione è stata anche l’occasione per commenatre con soddisfazione i dati relativi al successo ottenuto a Dublino, dove lo scorso 11 luglio c’è stata l’anteprima del Festival.
Abbiamo voluto fortemente lavorare in rete – commenta Antonio di Iasio, primo cittadino di Monte S.Angelo – con gli altri due siti Unesco della Puglia e con la regione Puglia, con Pugliapromozione, quindi abbiamo contribuito a mettere grandi banner nostri nelle maggiori stazione ferroviarie italiane e poi anche a Parigi e nelle altri grandi capitali”.