Il profumo della libertà, la legalità e il ruolo delle nuove generazioni

Il profumo della libertà, la legalità e il ruolo delle nuove generazioni

Si terrà venerdì 25 ottobre 2013, alle ore 11.00, presso l’Auditorium delle Clarisse, l’incontro/dibattito “Il profumo della libertà, la legalità e il ruolo delle nuove generazioni” in occasione della chiusura della mostra “Cultura + legalità = libertà, l’arte contro le mafie” promossa dalla Polizia di Stato, dal Parco Nazionale del Gargano, dal Comune di Monte Sant’Angelo e organizzata dall’Associazione “ArteinDivisa”. All’incontro prenderanno parte, inoltre, Antonio Laudati e il Dirigente della Squadra Mobile di Foggia Fabbrocini.

Stefano Pecorella, Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Gargano: “L’impegno dello Stato, dell’amministrazione e delle forze dell’ordine contro la criminalità organizzata è già forte, ma la criminalità si sconfigge partendo dalla consapevolezza che ognuno di noi deve avere che cedere alla tentazione del facile profitto, non solo quello economico, corrisponde a seminare il germe dell’inciviltà e, quindi, a rendere deboli e permeabili le nostre coscienze all’immoralità. Il mondo sarà salvato dalla bellezza, sosteneva Dostoevskij, nel ‘L’idiota’. Come non essere d’accordo. Quella bellezza che non è solo concetto estetico ma che pervade i piccoli o grandi atti positivi dell’uomo a cominciare dal rispetto per il prossimo, a quello per l’ambiente che ci circonda, sino al rispetto del più alto tra i diritti umani: la vita. Solo così si può battere l’apatia di un tempo che consuma le speranze dei giovani sull’altare dei facili traguardi, che rende insensibili le coscienze e legittima alibi di comodo che anche la logica naturale, prima ancora di quella convenzionale, riconosce come falsi ed insensati. A noi, quindi, la scelta del futuro che vogliamo.”

“Educare e formare le nuove generazioni alla cultura della legalità è fondamentale per costruire insieme una società libera dalle mafie e da tutte le forme di sopraffazione” – ha dichiarato Antonio di Iasio, Sindaco di Monte Sant’Angelo, che aggiunge – Non sono solo il nostro futuro, ma rappresentano il nostro presente, perché sono pienamente convinto che, come diceva il giudice Paolo Borsellino, Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo”.

Il Sindaco di Iasio conclude: “Il mio augurio quindi è anche questo. Che i giovani possano cambiare la nostra storia, il nostro territorio. Noi continueremo ad impegnarci affinché le istituzioni rappresentino sempre più l’approdo ideale per una buona idea di governo, costruito su solide fondamenta: legalità e partecipazione”.

All’incontro con gli studenti dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “G. T. Giordani” di Monte Sant’Angelo, interverranno:

Saluti:

ANTONIO DI IASIO – Sindaco di Monte Sant’Angelo
STEFANO PECORELLA – Presidente Ente Parco Nazionale del Gargano
ROBERTA DI CHIARA – Associazione “ArteinDivisa” e curatrice mostra
MATTEO TARONNA – Consigliere comunale con delega alla Legalità
FELICE PIEMONTESE – Rappresentante consiglio studenti Università degli Studi di Foggia

Interventi:
ALFREDO FABBROCINI – Dirigente della Squadra Mobile di Foggia
ANTONIO LAUDATI – Sostituto Procuratore alla Corte d’Appello di Roma

Modera: DOMENICO PRENCIPE – Rappresentante del Laboratorio Urbano per la Legalità “Rita Atria”