Il successo della festa patronale di Monte Sant’Angelo

De Andrè a Monte Sant'AngeloSe i giorni scorsi sono stati archiviati come successi con tanto di standing ovation , il 30 settembre 2014 per Monte Sant’Angelo passerà alla storia come uno dei giorni più importanti vissuti durante un evento. Il grandissimo successo ottenuto dai terrAnima e da Cristiano De Andrè, a chiusura della Festa Patronale, hanno scolpito indelebilmente il marchio “Pasquale Lauriola Presidente” negli annuali montanari.

Ieri a Monte l’atmosfera era frizzante, elettrizzata per l’attesa del grande big. A prepararla e smorzare l’euforia c’hanno pensato i favolosi fuochi pirotecnici musicali che hanno incantato i tanti intervenuti, tenendoli con il naso all’insù. Nel cielo stellato di Monte incorniciato dalle nostre e uniche luminarie vi erano una miriade di stelline, quelle della fantasia pirotecnica dei fuochi montanari.

I TerrAnima hanno aperto la serata su un palco “osservato a vista” dallo sguardo attento di migliaia di persone. La loro professionalità e il loro calore ha travolto tutti i presenti che non riuscivano a star fermi. Il ritmo folk in chiave moderna proposto con maestria dal mitico Gianpio e la sua favolosa band ha coinvolto grandi e piccini al punto da innescare una fiumana danzante.

Ma l’attesa era tutta per lui, l’étoile della serata, Cristiano De André. Il calore ed il fervore prodotto con i terrAnima con De André si è trasformato in un’incantevole atmosfera. Appalusi scroscianti, interminabili hanno accolto Cristiano. La sua performance è stata  armoniosamente sublime, a tratti slow e altri più ritmici. Sul palco scorrevano note che accompagnavano poesie. Cristiano De André ha conquistato una piazza esigente e reduce da note popolari amate dai montanari. La standing ovation, l’ennesima che il popolo di Monte ha concesso agli artisti ospiti della Festa Patronale, è durata minuti con applausi rivolti  a De André, diamante del canzone italiana d’autore.De Andrè a Monte Sant'Angelo

Non c’è che dire, che se la Festa Patronale 2014 di Monte Sant’Angelo in onore a San Michele Arcangelo ha avuto così tanto successo, il merito è del Comitato organizzatore che a capo ha un Presidente giovane, dinamico, propositivo, inclusivo, collaborativo e instancabilmente innamorato della sua e nostra Monte. PASQUALE LAURIOLA, il Presidente, merita non solo l’immenso grazie di tutti noi, montanari e non, ma quello di chi ha creduto in lui e la sua giovane età. Le capacità a Pasquale non mancano; lo ha dimostrato nei fatti seguiti dai numeri. È riuscito a tenere insieme una squadra organizzativa tanto eterogenea quanto ricca, otre che giovane, e il particolare non è secondario, anzi è garante per future organizzazioni.

Ieri sera in piazza c’era il Sindaco di Monte Sant’Angelo, Antonio Di Iasio. Noi crediamo, e ne siamo certi, che durante questi intensi quattro giorni della festa si sia sentito orgoglioso della nostra Monte. Un orgoglio dettato dal successo dell’evento e della scelta del nuovo Presidente del Comitato. Attendiamo una dichiarazione del Sindaco; nel frattempo ci piace pensare che Di Iasio, sotto sotto, abbia pensato verosimilmente (ci permettiamo di interpretarle noi le sue parole senza conferirgli responsabilità) ”… questo ragazzo umile, lavoratore e silenzioso può dare un contributo vero al rilancio di Monte Sant’Angelo…”. Si, proprio così, ci piace pensare positivo perché Pasquale Lauriola è positivo. Ci piace pensare e sperare che il Sindaco, congiuntamente con l’assessorato preposto, la giunta e l’amministrazione comunale abbiano in seno per Pasquale il mandato alla presidenza del Comitato Festa Patronale per il 2015. Lo merita e credo che i montanari lo desiderino.

Terranima a Monte Sant'Angelo Ieri a fine serata il Presidente Pasquale Lauriola ha preso la parola. Lo fa difficilmente poiché sono i fatti quelli che parlano di lui. Era un atto dovuto a margine di un successo che lui ha costruito anzitempo e che giorno dopo giorno ha sortito gli effetti. Su quel palco ornato dagli applausi Pasquale ha ringraziato uno per uno coloro che hanno contribuito alla riuscita della festa. Un gesto umile e dovuto verso chi si è prodigato per dar luogo all’evento clou di Monte. Ascoltando, la gente si è resa conto che i collaboratori erano tutte persone normali, non i soliti blasonati vip del settore. I montanari, altresì, hanno potuto comprendere che in buona parte il Comitato è formato da ragazzi giovani, tutti di Monte, e con una carica eccezionale.

Pasquale, Presidente,  tu hai ringraziato l’ufficio stampa e te ne siamo grati. Ma siamo noi che ringraziamo te per le belle pagine che ci hai fatto scrivere in questa indimenticabile Festa Patronale 2014!!!

Buona festa a tutti e arrivederci per l’edizione 2015.

Servizio Comunicazioni Comitato Festa Patronale Monte Sant’Angelo