Paniere del Parco per valorizzare le produzioni locali e tutelare il consumatore

parco-del-garganoDifesa della qualità dell’economia autoctona e formazione di un consumatore consapevole.

Sulla scia degli ottimi risultati del corso di ‘Assaggiatori d’olio’, al fine di accrescere l’attrattività dei prodotti tipici del Parco e del suo territorio, garantendone la provenienza, il Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Gargano, l’Avv. Stefano Pecorella, intende costituire e valorizzare il cosiddetto “Paniere del Parco del Gargano”.

L’ambizioso progetto, dopo una fase embrionale di studio, ora è pronto per essere discusso e messo a disposizione del territorio per raggiungere l’obiettivo di un adeguato livello di valorizzazione dell’origine della materia prima e del processo produttivo. Bisogna puntare ad ottenere una maggiore competitività e differenziazione qualitativa della produzione locale sul mercato garantendone la provenienza, al contempo accrescere la professionalità degli addetti del settore e migliorare l’assetto organizzativo della singola azienda e le relazioni intra-filiera.

“Il Parco Nazionale del Gargano – spiega il Presidente – è una combinazione ideale di bellezze naturali, tradizioni millenarie, luoghi di interesse storico e architettonico ma anche di un ampio e vario patrimonio di tipicità agro-alimentari e di eccellenze del gusto e l’Ente Parco ha nei suoi obiettivi la tutela e la valorizzazione di questi luoghi e di questi sapori. Per questo sta per nascere il ‘Paniere dei prodotti tipici del Parco Nazionale del Gargano’, un ‘logo-ombrello’ che protegge e garantisce i prodotti agroalimentari tipici del territorio, legati a tecnologie di produzione precise e codificate, nate da una tradizione documentata che utilizza solo materie prime locali e con i migliori standard di certificazione previsti dalle normative vigenti. Il progetto consentirà, inoltre, di monitorare direttamente le eccellenze produttive, di promuoverle e, quindi, di incrementarne il valore”.

Secondo i criteri stabiliti, accedono al paniere del Parco del Gargano i prodotti agricoli e agroalimentari coperti dal sistema di garanzia dell’Ente Parco attraverso la certificazione della filiera.  Le produzioni che possono accedere al paniere del Parco sono ascrivibili alle filiere dell’Olio, del Pane, Ortofrutticola, della Carne, Dolciaria, Lattiero-Casearia All’interno di queste potranno essere prese in considerazione solo prodotti che si caratterizzano per tipicità, qualità delle materie prime, memoria storica, metodo di lavorazione.

Un logo identificativo sarà concesso alle imprese della filiera che dimostreranno di soddisfare i requisiti del sistema e delle norme di riferimento. In questi giorni il Presidente incontrerà le organizzazioni di rappresentanza delle produzioni agricole – agroalimentari e, dopo questa fase consultiva, l’Ente Parco Nazionale del Gargano procederà alla pubblicazione a sportello di un avviso in cui saranno riportate le modalità e i tempi di adesione delle imprese alla filiera del Parco nonché i criteri di selezione delle imprese facenti parte della filiera.

“E’ un nostro dovere quello di preservare dalle lobby consumistiche ed industriali, nonché dalle pericolose contraffazioni, le nostre eccellenze alimentari, le cui qualità organolettiche e salutistiche sono note ed apprezzate da secoli – evidenzia Pecorella-. Contribuire alla sopravvivenza delle tradizioni e delle produzioni locali, significa salvaguardare dall’oblio e dall’abbandono uno straordinario territorio. Con il ‘Marchio del Parco’ vogliamo ridare fiducia e speranza al Gargano ed alla sua popolazione, il cui destino e quotidianità non possono e non devono essere pesati sul piatto della bilancia della mera convenienza economica. Certi valori e risorse non hanno prezzo e non devono essere dati alla mercé di biechi e poco lungimiranti ragionieri.”