Suonincava: venerdì 6 il trio jazz Caracas Cafè all’Abbazia di Pulsano a Monte Sant’Angelo

Dopo “sacri ipogei” a Cagnano Varano con la visita alla Grotta di San Michele e il concerto di Roy Paci, il viaggio di Suonincava 2013 prosegue a Monte Sant’Angelo con “Eremi e sassi”. Alle 16 visita guidata agli Eremi di Santa Maria di Pulsano (numero massimo raggiunto) e degustazione di prodotti tipici. Alle 19.30 il concerto del trio jazz Caracas Cafè, con Enzo Favata, Ut Gandhi e Marcello Peghin. Ingresso libero.

Trio favata peghin gandhiPer la seconda giornata del festival, venerdì 6 settembre 2013, Suonincava fa tappa nella Città Unesco di Monte Sant’Angelo. Saranno, infatti, l’Abbazia e gli Eremi di Santa Maria di Pulsano, luogo mistico e incantevole, a fare da scenografia naturale alla seconda giornata del festival.

L’evento è promosso in collaborazione con Legambiente FestambienteSud (che insieme a Suonincava, Carpino Folk Festival, Orsara Musica e Spazio Musica aderisce alla rete dei festival del Consorzio Five Festival Sud System).

In programma: alle ore 16.00 la visita guidata agli Eremi di Santa Maria di Pulsano con degustazione di prodotti tipici a cura di Gargaia scrl. “È stato raggiunto il numero massimo di partecipanti per la visita guidata agli Eremi” – fanno sapere gli organizzatori.

Alle ore 19.30, nel piazzale antistante l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano, l’esibizione del trio jazz CARACAS CAFE’, concerto di ENZO FAVATA (sassofoni soprano/sopranino / clarinetto basso / live electronics), UT GANDHI (percussioni / samplers), MARCELLO PEGHIN (chitarra classica 10 corde / chitarra baritono / live electrinics).

CARACAS CAFE’ “è un trio geniale”: questo è il commento frequente della critica musicale. In quasi due ore di ottima musica originale, la poesia, virtuosismo, l’energia e il canto s’intrecciano con i suoni della milonga, tango e danze brasiliane con melodie e ritmi mediterranei e della Sardegna, dove il jazz e l’improvvisazione sono elementi vincolanti tra diversi stili e culture.

Nel concerto si possono immaginare storie di locali fumosi di Caracas e Buenos Aires, racconti di avventure amazzoniche, paesaggi brasiliani e l’odore dei porti frequentati da Corto Maltese.

Enzo Favata, Marcello Peghin e UT Gandhi sono degli autentici istrioni, come dei marinai che hanno toccato innumerevoli porti. Hanno suonato e suonano in tutto il mondo, in importanti festival in Italia Europa Latino America, Asia, Africa, Giappone, Paesi Arabi ecc… Un trio che vanta un curriculum internazionale, che lo colloca tra i più originali sulla scena europea.

Un affascinante gruppo che si regge sull’originale cantabilità degli strumenti a fiato di Enzo Favata, la raffinata e colta struttura delle chitarre di Marcello Peghin, il particolare suono delle percussioni di UT Gandhi di uno dei migliori virtuosi di questo strumento.

ENZO FAVATA. Musicista apprezzato sulla scena del jazz internazionale come sassofonista, è anche compositore e autore di musiche originali per cinema, radio, teatro, documentaristica. I suoi progetti, caratterizzati da un originale intreccio tra musiche popolari e avanguardia, sono stati ospitati in prestigiosi festival e palcoscenici, in Italia e all’estero. Favata ha suonato e registrato dischi con Dino Saluzzi, Enrico Rava, Miroslav Vitous, Lester Bowie, Art Ensemble of Chicago, Metropole Orkest, Dave Liebman, Guinga, Omar Sosa, Django Bates  Tenores di Bitti e tanti altri. Attualmente ha al suo attivo 16 dischi. E’ inoltre autore di “paesaggi sonori” per musei ed esposizioni e direttore artistico del Festival Internazionale Musica sulle Bocche.

MARCELLO PEGHIN. Chitarrista e compositore, si muove a suo agio sia nella musica colta che in quella improvvisata. Suona la chitarra classica a 10 e 12 corde, la chitarra baritono, la viola caipira, la chitarra elettrica e i live electronics. Ha suonato con musicisti di diversa estrazione e di grande caratura come Dino Saluzzi, Enrico Rava, Tony Scott, Lester Bowie, Sainko Namtchilak. Ha pubblicato i cd “Variazioni Goldberg” e “Il clavicembalo ben temperato” di J. S. Bach, trascritti per chitarra a 10 corde.

U. T. GANDHI. Batterista, percussionista e compositore, approda al jazz nel 1978. Ha fatto parte per otto anni del quintetto “Electric Five” di Enrico Rava, con il quale ha svolto concerti e tournée in Italia, Europa, Canada e Giappone. Incide per l’etichetta tedesca ECM con vari progetti. Collabora come compositore per colonne sonore e video nell’ambito teatrale. Ha inciso diversi dischi a suo nome, tra i quali alcuni dedicati ai Weather Report.

Suonincava 2013 continua con “Miniere e cave: la conquista del lavoro” domenica 8 settembre – la giornata conclusiva dedicata a Matteo Salvatore nella sua Apricena – con Antonio Infantino e i Tarantolati di Tricarico.

Il festival Suonincava è organizzato dall’Associazione Suonincava, con il patrocinio dell’Unione Europea (nell’ambito dei PO Fesr 2007-13), della Regione Puglia (Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo) e con Comune di Orsara di Puglia, Comune di Apricena, Comune di Cagnano Varano, Comune di Monte Sant’Angelo, Comunità Monastica di Pulsano, Consorzio 5FSS e In collaborazione con Legambiente FestambienteSud e Associazione culturale Carpino Folk Festival.